logo nautica
nautica
luglio 10, 2019 - Artistar Jewels

Milano Jewelry Week: Oltre 50 eventi confermati per la prima edizione dell'evento dedicato al gioiello

come suggerisce il nome, alle piante carnivore proprio in virtù della forte attrazione del designer verso le linee inconsuete esistenti in natura e le insospettabili possibilità di nutrimento. I pezzi di CARNIVOROUS, tutti in argento, oro e pietre preziose, realizzati con la tecnica di fusione a cera persa, sono visionari e allo stesso tempo rappresentativi della nostra contemporaneità. La Scuola Orafa Ambrosiana di via Alessandro Tadino 30 aprirà le sue porte al pubblico per un’intera giornata durante la quale sarà possibile toccare con mano gli attrezzi del mestiere e vedere gli studenti al lavoro. Nelle giornate successive, saranno organizzate delle lectures dedicate a chi vuole sapere di più, per esempio, sulle diverse tecniche del gioiello prezioso, le realtà dei compro oro e il mondo della bigiotteria. Inoltre, per tutta la durata della manifestazione, presso la Scuola saranno esposti #gioielli che rappresenteranno l'eccellenza delle diverse tecniche orafe: alta oreficeria e gioielleria, incisione, smalto a fuoco, sbalzo e cesello, incastonatura, micro scultura in cera. Anche l'Accademia Galdus, con la passione dei suoi studenti e la professionalità dei suoi docenti e maestri orafi, parteciperà alla Milano Jewelry Week ospitando workshop e lectures dedicati al mondo della gioielleria, tenuti da Gianmarco Fontana, Dario Mambretti, Luigi Poli, Maddalena Rocco, Bruno Spinazzè e Germano Sigolo, per coinvolgere chiunque abbia la voglia e la curiosità di avvicinarsi a questo settore. Tra le accademie di gioiello internazionali, direttamente dal Messico, arriverà in Italia Hard To Find, che a Palazzo Bovara presenterà i lavori di dieci suoi talentuosi studenti. Nel quartiere Brera, tra le gallerie d’arte che parteciperanno a Milano Jewelry Week, un ruolo di rilievo spetterà a VS Gallery in Via Ciovasso 11 che ospiterà una selezione di creazioni orafe di Galeria Alice Floriano (Brasile), mentre un indirizzo iconico del design quale Arts Design in Via Dell’Orso 12 farà incontrare il complemento d’arredo con il gioiello ospitando Stone Stories, il marchio della jewelry designer Fatima Essahsah, nata ad Amsterdam da genitori marocchini che oggi espone le sue creazioni in Europa, in numerosi musei; un lavoro, quello di Fatima Essahsah che racconta il patrimonio culturale marocchino e la straordinaria cultura Berbera.

Dalla Ròse in Via dell’Orso 12, DEDOME in Via Ponte Vetero 14, Haruko Ito #gioielli Poetici in Via Tivoli 8, Paola Grande in Via Fiori Chiari 16, Touscé #gioielli in Via Tivoli 6, Les Néréides in Via dell’Orso 18, Atelier Bianca D’Aniello in Via Marco Formentini 7, Jasmine Milano Bijoux in Via Palermo 21, Satellite in Via Manzoni 16, Petra Oro e Gemme in via Spallanzani 11 e La Caramella D’Oro in Via Fiori Chiari 5 saranno protagonisti di special exhibitions, live performance e cocktail per tutti e quattro i giorni della kermesse. Note gallerie di gioiello dislocate nel centro della città prenderanno parte a Milano Jewelry Week con esposizioni collettive e personali, quali Babs Art Gallery in Via Maurizio Gonzaga 2, Irene Belfi in Via Nino Bixio 12 e Galleria Rossini in Viale Monte Nero 58 e Esh Gallery in Forcella 7, mentre Vincent Vintage Bijoux in via Spallanzani 11 realizzerà un'esposizione a tema “ il simbolismo nel gioiello” mettendo in luce i messaggi nascosti di #gioielli appartenenti a epoche diverse. Il calendario degli eventi di Milano Jewelry Week, in costante aggiornamento, è consultabile sul sito www.milanojewelryweek.com e sarà pubblicato su guide dedicate in distribuzione a partire dal 21 ottobre in tutta la città di Milano. VALDO, cantina storica di Valdobbiadene, fondata nel 1926 e di proprietà della Famiglia Bolla partecipa a Milano Jewelry Week e a tutti gli eventi in calendario con uno dei suoi spumanti più "preziosi", il Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG ORO PURO" che, per l'occasione, sarà vestito con una nuova etichetta che si ispira all'antica tradizione artigiana veneziana di orafi e ricamatori. Un tributo all'eccellenza.

come suggerisce il nome, alle piante carnivore proprio in virtù della forte attrazione del designer verso le linee inconsuete esistenti in natura e le insospettabili possibilità di nutrimento. I pezzi di CARNIVOROUS, tutti in argento, oro e pietre preziose, realizzati con la tecnica di fusione a cera persa, sono visionari e allo stesso tempo rappresentativi della nostra contemporaneità.

La Scuola Orafa Ambrosiana di via Alessandro Tadino 30 aprirà le sue porte al pubblico per un’intera giornata durante la quale sarà possibile toccare con mano gli attrezzi del mestiere e vedere gli studenti al lavoro. Nelle giornate successive, saranno organizzate delle lectures dedicate a chi vuole sapere di più, per esempio, sulle diverse tecniche del gioiello prezioso, le realtà dei compro oro e il mondo della bigiotteria. Inoltre, per tutta la durata della manifestazione, presso la Scuola saranno esposti #gioielli che rappresenteranno l'eccellenza delle diverse tecniche orafe: alta oreficeria e gioielleria, incisione, smalto a fuoco, sbalzo e cesello, incastonatura, micro scultura in cera. Anche l'Accademia Galdus, con la passione dei suoi studenti e la professionalità dei suoi docenti e maestri orafi, parteciperà alla Milano Jewelry Week ospitando workshop e lectures dedicati al mondo della gioielleria, tenuti da Gianmarco Fontana, Dario Mambretti, Luigi Poli, Maddalena Rocco, Bruno Spinazzè e Germano Sigolo, per coinvolgere chiunque abbia la voglia e la curiosità di avvicinarsi a questo settore. Tra le accademie di gioiello internazionali, direttamente dal Messico, arriverà in Italia Hard To Find, che a Palazzo Bovara presenterà i lavori di dieci suoi talentuosi studenti.

Nel quartiere Brera, tra le gallerie d’arte che parteciperanno a Milano Jewelry Week, un ruolo di rilievo spetterà a VS Gallery in Via Ciovasso 11 che ospiterà una selezione di creazioni orafe di Galeria Alice Floriano (Brasile), mentre un indirizzo iconico del design quale Arts Design in Via Dell’Orso 12 farà incontrare il complemento d’arredo con il gioiello ospitando Stone Stories, il marchio della jewelry designer Fatima Essahsah, nata ad Amsterdam da genitori marocchini che oggi espone le sue creazioni in Europa, in numerosi musei; un lavoro, quello di Fatima Essahsah che racconta il patrimonio culturale marocchino e la straordinaria cultura Berbera. Dalla Ròse in Via dell’Orso 12, DEDOME in Via Ponte Vetero 14, Haruko Ito #gioielli Poetici in Via Tivoli 8, Paola Grande in Via Fiori Chiari 16, Touscé #gioielli in Via Tivoli 6, Les Néréides in Via dell’Orso 18, Atelier Bianca D’Aniello in Via Marco Formentini 7, Jasmine Milano Bijoux in Via Palermo 21, Satellite in Via Manzoni 16, Petra Oro e Gemme in via Spallanzani 11 e La Caramella D’Oro in Via Fiori Chiari 5 saranno protagonisti di special exhibitions, live performance e cocktail per tutti e quattro i giorni della kermesse.

Note gallerie di gioiello dislocate nel centro della città prenderanno parte a Milano Jewelry Week con esposizioni collettive e personali, quali Babs Art Gallery in Via Maurizio Gonzaga 2, Irene Belfi in Via Nino Bixio 12 e Galleria Rossini in Viale Monte Nero 58 e Esh Gallery in Forcella 7, mentre Vincent Vintage Bijoux in via Spallanzani 11 realizzerà un'esposizione a tema “ il simbolismo nel gioiellomettendo in luce i messaggi nascosti di #gioielli appartenenti a epoche diverse.

Il calendario degli eventi di Milano Jewelry Week, in costante aggiornamento, è consultabile sul sito www.milanojewelryweek.com e sarà pubblicato su guide dedicate in distribuzione a partire dal 21 ottobre in tutta la città di Milano.

VALDO, cantina storica di Valdobbiadene, fondata nel 1926 e di proprietà della Famiglia Bolla partecipa a Milano Jewelry Week e a tutti gli eventi in calendario con uno dei suoi spumanti più "preziosi", il Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG ORO PURO" che, per l'occasione, sarà vestito con una nuova etichetta che si ispira all'antica tradizione artigiana veneziana di orafi e ricamatori. Un tributo all'eccellenza.