logo nautica
nautica
febbraio 05, 2019

Heron 56 per il secondo anno al Nauticsud

L“airone” dalle linee più che mai innovative si propone per il secondo anno consecutivo al pubblico del #nauticsud.

L’unità esposta monta un T-top rigido ma è possibile avere lo #yacht in versione completamente ‘open’. Per quanto riguarda la motorizzazione e le trasmissioni, sui modelli successivi, sono previste altre soluzioni su richiesta dell’armatore.

Il vero punto di forza dello #yacht rimane la carena le cui linee d’acqua sono disegnate per garantire assetto longitudinale costante a qualsiasi regime di velocità. La forma particolare della prua, verticale, sottile, affilata come una lama e longitudinalmente curvilinea agevola l’effetto dei flussi idrodinamici sulle murate e garantisce minima resistenza all’avanzamento. Doti caratteriali e distintive che rendono lo #yacht unico nel suo genere.

L’assetto degli scafi tradizionali tende a variare in funzione dell’andatura fino al raggiungimento della velocità massima mentre la posizione longitudinale di #heron56 rimane sempre costante.

Dalla postazione di comando si domina il mare. La seduta centrale è confortevole ed offre una visibilità a 360 gradi. Singolari le poltroncine laterali dedicate agli ospiti. La console ergonomica è dotata di strumentazione di controllo/navigazione touch-screen ed interagisce con la domotica per la gestione completa dell’impiantistica di bordo.

L’obiettivo del cantiere è realizzare non una linea standard ma yachts con varie combinazioni di lay-out e propulsioni su misura del cliente in base alle sue esigenze.

I visitatori potranno altresì vedere i disegni del nuovo progetto Heron 38 sviluppato con la medesima impronta di design e le stesse linee di carena.

Il nuovo modello è stato concepito in due diversi modelli  “Walkaround” o “Day Cruiser”, ambedue con possibilità di motorizzazione  entrofuoribordo (2 x Volvo Penta D6 - 400 hp DuoProp Stern Drives) o fuoribordo (2x350 hp).